Trattamento Fiscale e detrazioni del noleggio a lungo termine di autoveicoli

Questi ultimi anni hanno visto il proliferare di formule di acquisto e tecniche di gestione di autovetture che hanno per lo più la tendenza di evitare, per le aziende, l’acquisto o il pagamento diretto del veicolo. Leasing e noleggio a lungo termine “tutto compreso” (minimo 12 mesi), sono formule alternative che non costituiscono un formale acquisto in proprietà del bene, che passa comunque nella disponibilità della flotta aziendale previo il pagamento di un canone mensile.

In particolare il noleggio auto a Lungo Termine è una formula vincente per più ragioni, con una concreta convenienza economica, una preventiva pianificazione dei costi e un risparmio di tempo e risorse per la gestione della tua auto.

Riguardo il contratto di noleggio, così come il leasing, è importante sottolineare come sia da considerarsi un contratto atipico ovvero non disciplinato direttamente dal Codice Civile. E’ assimilabile al contratto di locazione di beni mobili che è il più simile tra quelli esistenti, anche se molte volte prevede l’aggiunta di alcune prestazioni d’opera da parte del locatore, come ad esempio: le riparazioni, la manutenzione ordinaria e straordinaria.

Noleggio auto

Quindi, nei casi di noleggio dell’auto aziendale sono previste alcune limitazioni riguardo alla deducibilità dei canoni. Le percentuali di deducibilità sono le stesse dell’acquisto, ovvero:

  • 100% per i veicoli strumentali all’attività d’impresa;
  • 20% per quelli non esclusivamente strumentali o di esercenti arti e professioni;
  • 70% per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte dell’anno;
  • 80% per i veicoli utilizzati da agenti e rappresentanti di commercio.

Tali percentuali vanno valutate però su un importo annuale che per le autovetture aziendali è di 3.615,20 €. Entro tale limite è incluso anche l’anticipo che viene considerato alla stregua di un normale canone e che consente all’utilizzatore di ridurre sensibilmente il peso dei canoni di locazione. Nei casi di associazione, tale limite è riferito a ciascun socio o associato.

Per quanto riguarda invece, i contratti di locazione “tutto compreso”, ovvero quei contratti misti in cui oltre a veicolo si mettono a disposizione del conduttore una fornitura di servizi connessi al noleggio del veicolo: assicurazione, bollo pagato, soccorso stradale, manutenzione ordinaria e straordinaria, cambio pneumatici, ecc. esiste una sostanziale differenza.

Infatti per non causare un trattamento differente rispetto ai contratti di solo noleggio del veicolo, vengono considerate separatamente le spese relative alle voci del pacchetto “full service” mantenendo il limite di deducibilità annuo solo sull’effettivo costo del canone di locazione del veicolo. Gli altri oneri accessori che fanno lievitare la rata subiranno quindi un trattamento fiscale separato e differente rispetto al canone e di conseguenza la parte di costo che si riferisce alle prestazioni accessorie non va considerata nei 3.615,20 € annui.

Ovviamente sarà cura del locatore separare il costo della locazione vera e propria del veicolo rispetto agli oneri accessori che invece saranno deducibili per intero. Nel caso in cui questa distinzione non dovesse essere presente sulle fatture sarebbe da comprendere, entro il limite annuo, l’intero ammontare del canone.

Il noleggio a lungo termine prevede la medesima deduzione dei costi per l’Irpef e la detrazione IVA dell’acquisto diretto ma, come potrai vedere offre numerosi vantaggi fiscali, e non solo, che lo rendono uno strumento molto utilizzato e conveniente.

Indice:

 

Obblighi del locatore o proprietario del veicolo

L’obbligo fondamentale del locatore, ovvero dell’agenzia che fornisce ed è proprietaria del veicolo oggetto della locazione, è quello di fornire al conduttore un mezzo che sia funzionale allo scopo per cui è stato locato, quindi che sia in perfetto stato e non abbia difetti.

Il contratto si distingue da un finanziamento tradizionale perchè manca la possibilità di riscatto finale del bene al termine del periodo di locazione pertanto, al termine del periodo stabilito dal contratto il conduttore potrà scegliere se restituire il veicolo o prorogare la locazione con la stipula di un nuovo contratto.

A differenza di un leasing quindi, richiede un minore impiego di liquidità per l’anticipo che spesso in quei contratti pesa per il 20% del valore del bene e, soprattutto, sono molto più semplici e veloci da stipulare, il che comporta che la disponibilità del mezzo per il conduttore sia quasi immediata.

 

Obblighi del conduttore o fruitore del veicolo

Non vi sono obblighi particolari per chi sfrutta un veicolo con un contratto di noleggio a lungo termine se non quello di utilizzare il veicolo di proprietà dell’agenzia in modo diligente, come se fosse di sua proprietà, e rispettare le scadenze relative al pagamento dei canoni di locazione fino alla naturale scadenza o rinegoziazione del contratto con la relativa proroga.

L’obiettivo del conduttore dovrebbe essere quello di restituire il bene, dopo il periodo di utilizzo, nelle stesse condizioni di come lo ha ricevuto. A seconda del contratto i costi di manutenzione ordinaria possono essere a carico del conduttore oppure del locatore, mentre le manutenzioni straordinarie solitamente sono a carico del proprietario della vettura.

La società di noleggio, inoltre, offre generalmente un vero e proprio servizio “full rent” ovvero che comprende numerosi servizi quali: assistenza, riparazione in caso di guasto presso officine convenzionate, assicurazione RC e Casco, pagamento del bollo, cambio pneumatici usurati, ecc.

La comodità per il conduttore è quindi proprio quella di pagare un canone mensile senza doversi più preoccupare di nulla con un conseguente risparmio di tempo ed impegni per la gestione amministrativa del veicolo stesso.

 

Quali mezzi possono dare luogo alla normativa fiscale sul noleggio a lungo termine?

E’ possibile usufruire del trattamento fiscale sul noleggio a lungo termine relativamente ad autovetture, caravan, motocicli e ciclomotori indicati negli articoli 52 e 53 del codice della strada.

 

Deducibilità dei canoni per il noleggio a lungo termine

I mezzi destinati al noleggio a lungo termine sono soggetti a due tipologie di imposte:

  • Imposte Dirette come IRPEF, IRES e IRAP;
  • Imposte Indirette come l’IVA.

Determinati veicoli e certe categorie di utilizzo prevedono la totale deducibilità dei costi e l’intera detraibilità dell’IVA, mentre, esistono alcune limitazioni in termini di detraibilità per altre categorie di veicolo ed utilizzo.

 

Imposte dirette

I veicoli i cui costi sono deducibili al 100% sono:

  • quelli che non rientrano nelle categorie autovetture, ciclomotori, autocaravan, motocicli come ad esempio autocarri, autobus, trattori, autotreni, autoveicoli per trasporti specifici o per usi speciali, autoarticolati ed autosnodati, mezzi d’opera, ecc.
  • quelli definiti strumentali e ad uso esclusivo dell’attività di impresa, senza i quali l’attività non può avere luogo (taxi, autoambulanze, carri funebri, autocarri, autonoleggio, ecc.)
  • quelli destinati ad uso pubblico, come i taxi, autoambulanze, ecc. Tuttavia la destinazione d’uso del mezzo deve essere stabilita da un atto della Pubblica Amministrazione.

Risultano essere a deducibilità parziale tutti i veicoli appartenenti a categorie differenti da quelle sopra elencate, per i quali si presume promiscuità di utilizzo.

 

Imposte dirette

E’ possibile detrarre l’IVA al 100% per i seguenti veicoli:

  • Trattori agricoli, veicoli stradali a motore impiegati nel trasporto di persone o beni con peso anche superiore a 3.500 Kg e con numero massimo di posti a sedere superiore a otto, escludendo il conducente;
  • I mezzi impiegati in modo esclusivo e strumentale per lo svolgimento dell’attività di impresa, dell’arte e della professione compreso i taxi a patto che si riesca a dimostrare che la vettura venga utilizzata esclusivamente ai fini dello svolgimento della professione;
  • I mezzi che rappresentano parte integrante dell’attività di impresa come ad esempio le auto nelle attività di noleggio o locazione finanziaria delle auto stesse;
  • Le vetture utilizzate dagli agenti di commercio e rappresentanti;
  • Le vetture fornite dall’azienda al dipendente in uso promiscuo, al quale è addebitato un costo almeno corrispondente al valore del fringe benefit;

Per veicoli non inclusi in questo elenco vigono invece delle specifiche limitazioni forfetarie

 

Limiti nella deduzione del costo

Esistono dei limiti nell’acquisto di mezzi per professionisti e società in termini di numeri di autovetture e di prezzo massimo per ogni autovettura. La Ferrari non la potrai dedurre al 100%, mi spiace… I limiti sono i seguenti:

  • autovetture: prezzo massimo € 18.075,99;
  • Motocicli e scooter: prezzo massimo € 4.131,66;
  • Ciclomotori e motorini: prezzo massimo € 2.065,83.

Questi limiti sono validi per tutte le tipologie di acquisto o noleggio di autovetture a lungo termine, mentre la percentuale di deducibilità varia a seconda dell’attività e della destinazione d’uso del mezzo. Hai visto, nel precedente paragrafo per quali mezzi esiste la piena deducibilità del costo sostenuto mentre per quanto riguarda ad esempio i professionisti titolari di partiva iva che effettuano prestazioni di lavoro autonomo o anche studi associati, la percentuale deducibile sui massimali sopra indicati è del 20% che andrà ad abbattere il reddito imponibile e non l’imposta come avviene per le detrazioni.

Il limite di deducibilità per le auto è quindi di 3615,20 €, per i motocicli € 826,32 mentre per i ciclomotori 413,17.

Cifre non altissime ma che concorrono, specie nei casi in cui ci siano più mezzi, sommate l’una all’altra a far risparmiare più che qualcosa a fine anno.

 

Noleggio a lungo termine per le società

Le società che concedono ai dipendenti l’auto in uso promiscuo per la maggior parte del periodo di imposta non devono considerare alcun tetto di deducibilità con la deduzione dei costi che sale al 90% del costo di competenza dell’anno in corso.

Nel noleggio a lungo termine comunque, esistono due componenti pagate all’interno del canone mensile ovvero, il canone puro (il costo dell’affitto del veicolo) e la quota relativa ai servizi accessori.

Per riuscire a risparmiare è importante che la società che ti fornisce il veicolo a noleggio distingua in fattura i due costi che seguiranno rispettivamente due iter diversi. Il canone soggetto ai limiti del 20% e la quota accessoria senza limitazioni e sarà deducibile con percentuale maggiore.

Anche ne caso di veicoli utilizzati ad uso promiscuo da imprese e professionisti, la deducibilità del costo ai fini Irpef è pari al 20% del massimale riconosciuto per le auto pari a € 18.075,99 ovvero € 3.615,20 che quindi, anche per i noleggi a lungo termine si riduce a € 723,04 in diminuzione del reddito imponibile.

Se vuoi approfondire questo argomento, leggi il libro: “Pagare Meno Tasse“, che ti svelerà tutti i segreti che i commercialisti volutamente ti nascondono. In questo libro troverai:

1) 32 capitoli di soluzioni adatte a tutte gli imprenditori per dimezzare il loro carico fiscale;

2) I consigli per risparmiare migliaia di euro di Irpef legalmente e senza trucchi;

3) Le soluzioni per pagare le tasse quando vuoi, anche in ritardo, risparmiando centinaia di euro di sanzioni e interessi;

4) Gli aspetti che devi considerare per scegliere il miglior commercialista per la tua impresa. Quello che può davvero cambiare le sorti della tua vita imprenditoriale;

5) Il modo per sfruttare a tuo vantaggio le sponsorizzazioni sportive senza cadere nel tranello dell’evasione fiscale;

6) I consigli per difendersi dai controlli della Guardia di Finanza anche in caso di ispezione;

Inoltre, i 2 metodi per mettere al sicuro il tuo patrimonio dai possibili “attacchi” di fisco e fornitori in caso di fallimento e i 9 metodi LEGALI per risparmiare fino al 30% di tasse.

Clicca qui per saperne di più!

 

Tabella percentuale di deduzione dei costi per il Noleggio Auto

Autovetture e Autoveicoli
Prestazioni accessorie (manutenzione, riparazione, ricambi e carburante…)
Detrazione IVA
Deduzione Imposte Dirette
Detrazione Iva
Deduzione Imposte Dirette
Esercenti arti e professioni
40%
Deducibilità al 20% nel limite dell’ammontare dei canoni proporzionalmente corrispondente al costo del veicolo che non eccede 18.075,99€ limitatamente ad un solo veicolo e con ragguaglio all’anno sempre che il contratto di leasing abbia durata almeno pari al periodo di ammortamento fiscale
40%
20%
Aziende Uso strumentale
100%
100%
100%
100%
Aziende Uso non strumentale
40%
Deducibilità al 20% nel limite dell’ammontare dei costi di locazione e di noleggio che non eccede 3.615,20€
40%
20%
Aziende e esercenti arti e professioni Uso promiscuo a dipendenti
40%
Deducibilità nella misura del 70% dei costi totali
40%
70%
Agente o rappresentante di commercio
100%
Deducibilità al 80% nel limite dell’ammontare dei costi di locazione e di noleggio che non eccede 5.164,57€, con ragguaglio all’anno
100%
80%
Società semplici e associazioni
40%
Deducibilità al 20% nel limite di 3.615,20€ soltanto per un veicolo per ogni socio o associato e con ragguaglio all’anno
40%
20%

 

Tabella percentuale di deduzione dei costi per il Leasing Auto

Autovetture e Autoveicoli
Prestazioni accessorie (manutenzione, riparazione, ricambi e carburante…)
Detrazione IVA
Deduzione Imposte Dirette
Detrazione Iva
Deduzione Imposte Dirette
Esercenti arti e professioni
40%
Deducibilità al 20% nel limite dell’ammontare dei canoni proporzionalmente corrispondente al costo del veicolo che non eccede 18.075,99€ limitatamente ad un solo veicolo e con ragguaglio all’anno sempre che il contratto di leasing abbia durata almeno pari al periodo di ammortamento fiscale
40%
20%
Aziende Uso strumentale
100%
100%
100%
100%
Aziende Uso non strumentale
40%
Deducibilità al 20% nel limite dell’ammontare dei canoni proporzionalmente corrispondente al costo del veicolo che non eccede 18.075,99€ limitatamente ad un solo veicolo e con ragguaglio all’anno
40%
20%
Aziende e esercenti arti e professioni Uso promiscuo a dipendenti
40%
Deducibilità nella misura del 70% dei costi totali
40%
70%
Agente o rappresentante di commercio
100%
Deducibilità al 80% nel limite dell’ammontare dei canoni proporzionalmente corrispondente al costo del veicolo che non eccede 25.822,84€ limitatamente ad un solo veicolo e con ragguaglio all’anno sempre che il contratto di leasing abbia durata almeno pari al periodo di ammortamento
100%
80%
Società semplici e associazioni
40%
Deducibilità al 20% nel limite dell’ammontare dei canoni proporzionalmente corrispondente al costo del veicolo che non eccede 18.075,99€ soltanto per un veicolo per ogni socio o associato e con ragguaglio all’anno
40%
20%

 

Tabella percentuale di deduzione dei costi per l’acquisto in Proprietà dell’Auto

Autovetture e Autoveicoli
Prestazioni accessorie (manutenzione, riparazione, ricambi e carburante…)
Detrazione IVA
Deduzione Imposte Dirette
Detrazione Iva
Deduzione Imposte Dirette
Esercenti arti e professioni
40%
Deducibilità al 20% nel limite di 18.075,99€ limitatamente ad un solo veicolo e con ragguaglio all’anno
40%
20%
Aziende Uso strumentale
100%
100%
100%
100%
Aziende Uso non strumentale
40%
Deducibilità al 20% nel limite di 18.075,99€
40%
20%
Aziende e esercenti arti e professioni Uso promiscuo a dipendenti
40%
Deducibilità nella misura del 70% dei costi totali
40%
70%
Agente o rappresentante di commercio
100%
Deducibilità al 80% nel limite di 25.822,84€
100%
80%
Società semplici e associazioni
40%
Deducibilità al 20% nel limite di 18.075,99€ soltanto per un veicolo per ogni socio o associato e con ragguaglio all’anno
40%
20%

 

Trattamento IVA sul noleggio auto a lungo termine

All’interno dei canoni di locazione che ti saranno fatturati, se l’utilizzo del mezzo sarà strumentale all’attività, nel contratto di noleggio full service una quota di Iva che potrai portare in detrazione nella misura del 40%.

 

Deduzione fiscale delle spese di riparazione ordinaria e straordinaria nel noleggio a lungo termine

Non esiste alcuna limitazione nella deducibilità dei costi sostenuti dall’utilizzatore del veicolo per i lavori di manutenzioni ordinaria (se a suo carico) nè per i costi di manutenzione straordinaria sostenuti dal proprietario del veicolo.

Per l’utilizzatore del mezzo, la limitazione opera solo ai fini del canone puro e non per le quote di manutenzione. Le manutenzioni inoltre, nel noleggio a lungo termine, non sono soggette alla limitazione del 5% sui cespiti.

 

Limiti di deduzione per il noleggio a lungo termine

Anche per questo strumento è previsto un limite di deducibilità pari a 3.615,20 € che se viene calcolato nell’ordine temporale di un intero periodo di imposta e considerando una vettura ad uso promiscuo (deducibilità al 40%), porta per l’utilizzatore un risparmio che si aggira intorno ai 1446,08 €.

Per quanto riguarda invece le automobili a noleggio concesse ai dipendenti la soglia di deduzione è elevata al 90% per cui il risparmio si aggirerebbe intorno ai 3250 €.

Per agenti di commercio e rappresentanti, con una soglia di deducibilità del costo dell’80%, il risparmio si aggira intorno 2890 €. ma nel 2017 la soglia su cui calcolare l’80%, per queste categorie, è stata elevata a 5164 €.

 

Redditometro e noleggio auto a lungo termine

Anche con il noleggio a lungo termine, purtroppo, si corre il rischio di finire sotto la lente del redditometro che tra le numerose voci a sua disposizione,  un occhio sui conti correnti, e l’incrocio di alcuni dati, potrebbe potrebbe portare al rischio di essere in qualche modo scoperti, specie parlando di noleggio di auto di grossa cilindrata.

Tuttavia, con un po’ di attenzione e coi giusti consigli che potrà darti il tuo commercialista è possibile bypassare questo problema. Tra le altre cose, per evitare di finire nella morsa del redditometro, molti contribuenti sfruttano le società estere per il noleggio a lungo termine.

In questo modo è possibile, oltre a non finire nei calcoli del redditometro, anche risparmiare parecchi euro relativamente ai costi di bollo e assicurazione, specie per le cilindrate più elevate.

 

Noleggio a lungo termine o Leasing auto?

Da un punto di vista fiscale è importante sottolineare che la deduzione sui canoni leasing degli automezzi è pari al valore delle rate annuali nella misura del 20% con un limite massimo di 3615,20 €. Condizione necessaria per la deducibilità del costo è che il periodo di leasing non sia inferiore alla metà del periodo di ammortamento del bene.

Da un punto di vista puramente fiscale pertanto, i vantaggi e gli svantaggi di una formula piuttosto che l’altra quasi si equivalgono ma, se consideriamo un noleggio full rent ovvero comprensivo di tutti i servizi, e la perdita di valore del veicolo negli anni è possibile attraverso il noleggio a lungo termine risparmiare anche fino al 20% rispetto all’acquisto o al leasing.

Il tutto dipenderà dal prezzo che si riuscirà ad ottenere dalla società di noleggio che comprenderà:

  • Prezzo veicolo;
  • Costo assicurazione;
  • Bollo auto;
  • Manutenzione Ordinaria (tagliandi, freni, luci, tergicristalli, ecc.);
  • Manutenzioni straordinarie (cambio pneumatici, batteria, cinghie, frizione, ecc.);
  • Svalutazione annuale del veicolo (vedi tabelle Quattroruote);

Per calcolare la convenienza o meno rispetto all’acquisto o al leasing, fate una stima di questi costi e confrontatela con il costo annuale o triennale della somma dei canoni di locazione che l’agenzia di noleggio vi proporrà. In questo modo sarà semplicissimo valutarne la convenienza o meno.

Se hai trovato interessante questo articolo, ti sarei infinitamente grato, se facessi un click sul +1 sottostante o lo condividessi su Facebook per dar la possibilità a tutti di leggerlo. Al termine dell’articolo potresti anche scrivere un commento di apprezzamento o critica, per me sarebbe importantissimo. Grazie…

 

 

 

Clicca qui per saperne di più!

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *